L’Associazione Italiana Studio Osteosarcoma ha come compito principale l’aggregazione e la comunicazione fra i diversi settori della Medicina e fra questa e le altre figure professionali del Comparto Sanità, con l’obiettivo di operare in tutti i settori socio-sanitari per la tutela dei soggetti colpiti da osteosarcoma e dei loro familiari.

Leggi tutto

Sostieni AISOS

COME PUOI CONTRIBUIRE?
IBAN: IT 88 B 05034 03255 000000000378

Vai

Fabrizio Macchi

Fabrizio Macchi è un atleta e ciclista su strada. A 13 anni gli è stato diagnosticato un Osteosarcoma, ma il male e le difficoltà non lo hanno fermato!
Vai

La Rete dei Medici AISOS

La rete di medici AISOS è composta da professionisti ed esperti nella lotta all'osteosarcoma in tutta Italia: Bologna, Firenze, Messina, Milano e Roma.


Vai

Gallery

Facebook

3 giorni fa

Aisos

<< L’attenzione, la ricerca, tutto quello che ci assiste è un bene prezioso che può risolvere la vita a un nostro caro.>> Grazie Sebastiano Somma per il tuo sostegno nei confronti dei bimbi malati di Osteosarcoma. ❤️ ... Mostra di piùMostra di meno

Guarda su Facebook

7 giorni fa

Aisos

Era il 2008 quando Fiorella fu colpita dal Sarcoma di Ewing al perone sinistro.
Prima della diagnosi trascorse un po’ di tempo in compagnia di dolori improvvisi, come se qualcuno nella sua caviglia volesse ricordarle che qualcosa non andava.
Tra una fitta fastidiosa e un dolore eccessivo, continuava a vivere i suoi 26 anni evitando inizialmente campanelli d’allarme.
Un giorno il “signor Ewing” decise di venire fuori e di identificarsi e in quel momento Fiorella non potè più sopportare quei dolori insistenti.
Così iniziò il suo percorso fatto di 9 cicli di chemioterapia, un intervento chirurgico per asportare la massa tumorale ed infine un trapianto delle staminali.
Fiorella racconta di aver vissuto non poche sofferenze in quel periodo, ma accompagnata da una sorta di incoscienza, la stessa che le ha permesso di non perdere la speranza di rialzarsi e di riprendere in mano la sua vita.
Fiorella riuscì a vivere bei momenti anche durante i ricoveri per la chemioterapia, durante i quali entrò in contatto con molti ragazzi che come lei lottavano per la vita.
La malattia l’ha cambiata, l’ha resa più forte e nonostante tutto le ha permesso di avvicinarsi a tutte quelle persone che sanno cosa si prova a dover lottare contro un cancro, diventando per loro una guida ed un esempio.
Dalla sua esperienza infatti decise di creare una posta del cuore dedicata ai malati.
La posta de “La sig.ra Ewing”, per dimostrare che la malattia si può vincere - oltre che con la medicina - << con la testa, coi pensieri positivi, con la forza d’animo.>> ❤️ Buonanotte Mister Ewing
... Mostra di piùMostra di meno

Guarda su Facebook

1 settimana fa

Aisos

“L’AISOS è nata per dare supporto ai pazienti malati di Osteosarcoma ed alle loro famiglie.
Quando i pazienti ricevono la diagnosi vanno in contro a grandi difficoltà emotive e si sentono disorientati , per cui l’obiettivo principale di AISOS è dare accoglienza, indicazione, ed orientamento per permettere loro di guarire concretamente ed essere salvati. “

C’è qualcosa che possiamo fare per dare il nostro aiuto?
Certo!
Attraverso la divulgazione possiamo aiutare i pazienti colpiti dall’Osteosarcoma ad avere una diagnosi precoce, perché per affrontare un nemico bisogna conoscerlo.
Uniamoci in una rete a maglie strette, dove possano guidarci l’informazione, la conoscenza, la condivisione, il bene reciproco.
Attraverso la diagnosi precoce il tumore viene individuato nella fase iniziale ed è possibile così bloccare e sconfiggere la malattia ed ottenere un ottimo risultato.
La diagnosi precoce è il solo passo per la guarigione. Una diagnosi precoce ti salva la vita. ❤️
... Mostra di piùMostra di meno

Guarda su Facebook