L’Associazione Italiana Studio Osteosarcoma ha come compito principale l’aggregazione e la comunicazione fra i diversi settori della Medicina e fra questa e le altre figure professionali del Comparto Sanità, con l’obiettivo di operare in tutti i settori socio-sanitari per la tutela dei soggetti colpiti da osteosarcoma e dei loro familiari.

Leggi tutto

Sostieni AISOS

COME PUOI CONTRIBUIRE?
IBAN: IT 88 B 05034 03255 000000000378

Vai

Fabrizio Macchi

Fabrizio Macchi è un atleta e ciclista su strada. A 13 anni gli è stato diagnosticato un Osteosarcoma, ma il male e le difficoltà non lo hanno fermato!
Vai

La Rete dei Medici AISOS

La rete di medici AISOS è composta da professionisti ed esperti nella lotta all'osteosarcoma in tutta Italia: Bologna, Firenze, Messina, Milano e Roma.


Vai

Gallery

Facebook

17 ore fa

Aisos

Per combattere l'osteosarcoma è indispensabile una diagnosi precoce che permette di individuare il tumore durante la fase iniziale e di curarlo più facilmente.

E' fondamentale non sottovalutare i campanelli d'allarme che ci invia il nostro corpo, che nel caso dell' osteosarcoma sono il dolore improvviso, acuto, che non passa con i comuni analgesici, e una tumefazione, che prende la forma dell’osso sottostante.

#bonecancerawareness #wefightbonecancer #diagnosiprecoce
... Mostra di piùMostra di meno

Guarda su Facebook

1 settimana fa

Aisos

A 12 anni Kaysen Camat-Toki era la star della sua squadra di baseball, un vero punto di riferimento per amici e compagni, ma nell’aprile del 2016, durante una partita, ha notato che la sua gamba si comportava in modo strano e iniziò ad accusare strani dolori.
Dopo circa 1 mese grazie a una tempestiva radiografia ha scoperto la causa di quei dolori: un osteosarcoma teleangectasico. È stato sottoposto a una lunga terapia che ha comportato anche un intervento chirurgico durante il quale il suo femore è stato sostituito da una protesi.
Anche se non può più giocare a baseball, correre e saltare, dopo la riabilitazione Kaysen vive una vita normale insieme a tutti i suoi amici, cammina senza stampelle ed è anche coach della squadra di basket della sua scuola.
“Spero veramente di essere di esempio e ispirazione per gli altri con la mia storia. Ero il leader della squadra e ho sempre avuto un atteggiamento positivo. Tutto è possibile grazie alla forza della speranza. Non importa quello che stai passando, mantieni la speranza e un atteggiamento positivo, circondati di energia positiva. Oggi grazie a quello che mi è successo sono capace di apprezzare la vita e le piccole cose 10 volte più di prima”.
#wefightbonecancer #againstbonecancer #bonecancer #bonecancerawareness #osteosarcoma
... Mostra di piùMostra di meno

Guarda su Facebook